Olimpia Matera supera Fabriano al Palasassi

70 a
61 il punteggio finale di una partita ispida – arida di realizzazioni e
con alternanza di modesti vantaggi – risolta negli ultimi cinque minuti
di gioco dai materani. Coach Putignano: “Risultato importante, le
difficoltà ci aiutano a migliorare”. Domenica scontro diretto in
trasferta con Teramo.

Vince l’Olimpia Matera al Palasassi
con Fabriano, nel turno infrasettimanale di mercoledì, 7 febbraio 2018.
La partita, terminata con il punteggio di 70 a 61, era valida per la
ventunesima giornata – sesta di ritorno – del Campionato Nazionale di
Pallacanestro 2017/2018 – Serie B “Old Wild West” – girone C.

E’
stato un incontro che ha vissuto, specie nei primi tre quarti, pochi
momenti di vivacità, con punteggi contenuti e rare occasioni di fuga per
entrambe le compagini, con vantaggi massimi di sei e quattro punti
rispettivamente per Matera e Fabriano (risultati parziali: 17-16, 15-20,
18-12).

Nella quarta frazione di gioco, i materani hanno
ostentato una buona prova di forza, e negli ultimi minuti hanno lanciato
una fuga decisiva di dodici lunghezze, distacco che ha permesso poi di
amministrare agevolmente le ultime fasi del match. Commenta Giovanni
Putignano, coach dell’Olimpia: “Dopo la bellissima prestazione
agonistica e tecnica di domenica scorsa, con la vittoria a Bisceglie, in
questa giornata contava solo il risultato e sicuramente la squadra
avversaria ci ha lasciato il pallino nelle mani nella fase offensiva; ci
sono state delle difficoltà nella fluidificazione del gioco, ma quello
che conta è il risultato, generato da quanto di buono abbiamo prodotto
nell’ultimo quarto, giocato in maniera soddisfacente. Il risultato utile
di oggi ci serve a capitalizzare i punti necessari per proseguire il
nostro cammino, siamo contenti per averlo conseguito, pur con
difficoltà. E quante più difficoltà incontriamo in questo momento, tanto
più saremo pronti a superare quelle successive, grazie al
perfezionamento della capacità di affrontare i problemi in campo,
aumentando la reattività del nostro sistema immunitario”.

Tra le
migliori prestazioni dei materani, figurano i 23 punti di Migliori, i 18
di Ochoa, ed i 10 punti di Varaschin, per la prima volta in doppia
cifra e con 18 minuti di gioco all’attivo. Ravazzani ha migliorato la
sua media stagionale di rimbalzi (12), realizzandone 18 solo in questo
incontro. Bruno (21) e Gialloreto (16) sono stati i realizzatori in
doppia cifra per Fabriano.

Nella giornata di giovedì, 8 febbraio,
avranno luogo le altre partite in programma per la ventunesima giornata
(Nardò-Porto Sant’Elpidio, Giulianova-Ortona, Cerignola-Senigallia e
Civitanova Marche-Perugia). Intanto, nelle partite giocate mercoledì
sera, primo passo falso casalingo per la capolista San Severo, battuto
da Bisceglie. Vincono in casa Campli sulla seconda Recanati e Pescara su
Teramo. Per effetto di quest’ultimo risultato, l’Olimpia ha agganciato
in classifica, a quota 22 punti, proprio il Teramo, che affronterà
domenica, 11 febbraio in trasferta (inizio alle 18:00): un match
importante per avvicinarsi ulteriormente alla zona playoff e proseguire
la nuova serie positiva iniziata a Bisceglie e proseguita con Fabriano.
Così coach Putignano illustra il prossimo impegno dei suoi ragazzi:
“Quella di domenica prossima sarà la terza partita in una settimana,
recupereremo le energie e andremo a Teramo con la speranza di
raggiungere un altro risultato utile, partendo dalla nostra grande
condizione fisica e dalla grande mentalità che stiamo costruendo
superando gli ostacoli; inoltre, conteremo sulla forza del gruppo,
l’arma migliore per contrastare qualsiasi avversario”. Nella gara di
andata, disputata il 5 novembre 2017 al Palasassi, gli abruzzesi vinsero
con il punteggio di 89 a 82. Arbitreranno la partita Stefano Barilani e
Gianluca Cassiano, entrambi di Roma.

Sempre alle 18:00 di
domenica prossima si disputeranno gli altri incontri del girone C tra
Senigallia e Civitanova Marche, Giulianova e Recanati, Nardò e Pescara,
Ortona e Perugia, Cerignola e San Severo, Bisceglie e Fabriano, Porto
Sant’Elpidio e Campli.