Comunicato #723: Olimpia Matera perde in trasferta con la capolista Caserta

In un match iniziato male e finito peggio, i biancoazzurri
salutano il secondo posto e la possibilità di accedere alla Coppa
Italia.  Coach Origlio: “Brutta partita, nessun dramma”.

Non è andata bene l’ultima partita del 2018 per l’Olimpia Matera, che
nella serata di domenica, 30 dicembre, ha dovuto subire i colpi della
capolista Caserta, in un palaMaggiò affollato anche dai sostenitori dei
Blu Brothers e dai piccoli cestisti della società satellite Pielle.

Il punteggio finale – 76 a 50 – racconta di un match a senso unico in
cui i giocatori materani hanno inutilmente tentato di invertire un
andamento iniziato in modo negativo e talvolta innaturale: infatti un
primo quarto stregato (17 a 6) ha fortemente compromesso le premesse
della partita, nonostante Caserta non abbia fatto molto, almeno nelle
prime fasi, per accentuare il margine di vantaggio. Nella seconda
frazione, conclusasi con il parziale di 18 a 15, le posizioni si sono
sostanzialmente bilanciate, al punto tale che i materani, nel terzo
quarto, sono riusciti a produrre un parziale a favore di 17 a 16. Ma
nell’ultima frazione di gioco, i locali hanno ripreso il sopravvento,
raddoppiando addirittura i punti totalizzati rispetto agli ospiti, 25 a
12.

Non nasconde il rammarico il coach dei materani, Agostino Origlio:
“È stata una brutta partita: dal punto di vista dei numeri non abbiamo
mai avuto la possibilità di rientrare in gara, anche perché, dopo la
sterile prestazione del primo quarto, era effettivamente difficile
ritornare mentalmente ad essere competitivi, su questo campo e con
questo avversario. In attacco avremmo potuto fare delle scelte migliori,
poi le conseguenze hanno fatto sentire il loro peso e abbiamo perso sia
la confidenza con il gioco, sia la conseguente serenità per affrontare
il resto della gara senza inconvenienti. Sapevamo che sarebbe stata una
partita difficile, e abbiamo dato il nostro contributo per renderla
impossibile”.

Nulla da fare, quindi, per l’Olimpia, che in un’unica gara ha perso
l’ambizione sia del primato in classifica, ska dell’accesso alla Coppa
Italia; nel frattempo, infatti, Salerno ha espugnato in trasferta il
campo dell’IUL Basket Roma e, avendo vinto il confronto diretto con
Matera, si è qualificata in anticipo per prender parte al mini torneo
(rendendo ininfluenti i risultati dell’ultima giornata di andata).

Tuttavia, Origlio è sereno nel voler limitare i danni
di questo incidente di percorso: “Nessun dramma, da martedì torneremo a
preparare la prossima gara in casa per difendere quel +4 di media
inglese che tanto ci servirà nel ritorno del campionato, mantenendo il
nostro obiettivo dichiarato di accesso ai playoff. Intanto ringrazio gli
amici di Caserta, siamo stati onorati della signorile accoglienza
ricevuta, nel rispetto reciproco che tanto contraddistingue il nostro
sport. Infine, ringrazio i nostri sostenitori, che ci hanno raggiunto a
Caserta per non far mancare presenza e incitamento: sono per noi motivo
di gratificazione, una dimostrazione di apprezzamento per il nostro
lavoro”.

Sugli altri campi, vincono in casa Catania con Valmontone (95-77),
Reggio Calabria con HSC Roma (79-52), Palestrina su Palermo (92-71).
Affermazioni in trasferta, invece, per Capo d’Orlando a Pozzuoli
(69-84), Salerno su IUL Roma (73-95), Napoli a Scauri (66-69) e Luiss
Roma a Battipaglia (66-97).

Alla fine della quattordicesima giornata, la classifica del Girone D è
presidiata al comando in solitario da Caserta con 26 punti, seguita da
Salerno (24), Olimpia Matera (22), Palestrina (20), HSC e Luiss Roma
(18), Reggio Calabria (17), Scauri (14), Napoli e IUL Roma (12), Capo
d’Orlando (10), Palermo e Pozzuoli (8), Catania e Valmontone (6), e
Battipaglia (zero).