Comunicato #741: Olimpia Matera perde all’overtime la trasferta di Napoli: 74-72

Un
match senza esclusione di colpi, con le due contendenti che tentano
invano un allungo e si ritrovano alla pari a metà e alle fine del tempo
regolamentare. Coach Origlio: “Tanto rammarico, ma abbiamo dimostrato
solidità mentale e tecnica”. Del Testa: “Il basket è così, si decide
tutto all’ultimo secondo”.

Non riesce per un soffio, all’Olimpia Matera, l’impresa di bissare in
trasferta il successo dell’andata con Ge.Vi. Napoli Basket,
nell’anticipo della ventiduesima giornata – settima di ritorno – del
Campionato Nazionale di Pallacanestro – Serie B “Old Wild West” – Girone
D. Dopo che i tempi regolari si erano chiusi in parità, c’è voluto un
overtime perché la partita terminasse, con un successo di stretta misura
a favore dei campani – 74 a 72 – nell’impianto sportivo di Casalnuovo
di Napoli.

Il match ha inizio con un baldanzoso arrembaggio dei
padroni di casa, desiderosi di regolare i conti dopo la sconfitta al
Palasassi dell’11 novembre scorso (vinse l’Olimpia per 76-58), ed
effettivamente al minuto 8:42 Napoli è già in vantaggio di dodici punti;
ma al termine della frazione di gioco, i biancoazzurri riescono a
contenere il passivo, chiudendola per 24 a 15. Nel secondo periodo, i
lucani si lanciano in un vero capolavoro d’ingegno e determinazione,
ribaltando simmetricamente le sorti dell’incontro (16-25) con una tripla
allo scadere di Daniel Datuowei che riporta le contendenti in una
condizione di assoluta parità: 40 a 40.

Nel terzo quarto,
proseguono i contrasti sul parquet, tra due avversari mai rassegnati al
ruolo di comprimari: ma è ancora l’Olimpia ad accelerare, producendo a
metà tempo il suo massimo margine di sette lunghezze, divenute tre a
fine frazione (13 a 10). Nell’ultimo quarto, il confronto diventa
serrato ed il persistente scambio di colpi, punto a punto, produce il
riallineamento del punteggio sul buzzer finale: 70 a 70, tutto da
rifare. Al primo overtime, entrambe le squadre cercano di blindare i
reparti difensivi e di raggranellare i punti necessari per contenere le
ultime reciproche sortite, ma i tentativi si concludono con un massimo
di due punti di vantaggio, prima dell’Olimpia, poi di Napoli. In una
situazione di assoluta parità, all’ultimo istante Guarino serve l’assist
a Bagnoli che sotto canestro non sbaglia e consegna l’overtime (6 a 4),
la partita (74 a 72) e i due punti in classifica ai suoi.

È
comprensibilmente dispiaciuto il coach Agostino Origlio: “Al termine di
questa partita il rammarico è tanto, l’avevamo ripresa più di una volta e
avremmo potuto chiuderla; la sconfitta brucia a maggior ragione quando
si perde di due punti al termine del tempo supplementare, su un tiro
allo scadere. Dobbiamo tuttavia essere consapevoli che, in altre
occasioni, era capitato a noi di vincere in questo modo, e questa volta
non è andata così. La nostra squadra ha dimostrato di saper competere
con una delle formazioni più forti del campionato e nel suo momento
migliore”.

Tuttavia, l’Olimpia del sabato sera ha dimostrato
carattere e perseveranza, ed effettivamente la condotta dei materani,
che non hanno potuto contare su Enzo Cena (rimasto in panchina), è
promettente anche per il prosieguo del campionato. In questa occasione, i
lucani hanno sfoderato un atteggiamento volitivo, sovente capace di
generare veri attimi di timor panico nella squadra di casa.  Continua
l’allenatore: “È stata una bellissima partita con tanti strappi da
entrambe le parti; nel finale non ha prevalso quella lucidità che
avrebbe potuto portarci a vincere un match difficile su un campo
indigesto e contro una squadra forte, ma non posso rimproverare nulla a
nessuno, abbiamo dimostrato ancora una volta grande solidità mentale e
tecnica. Complimenti a Napoli, noi ora torniamo a lavorare in palestra
per riprendere il nostro cammino”.

Al termine del confronto, la
doppia cifra è stata raggiunta da Daniele Merletto (24 punti), Andrea
Iannilli, in “doppia doppia” con 14 punti e 13 rimbalzi, e Maurizio del
Testa (14), che racconta così il suo match: “È stata una partita bella e
tirata, non sono bastati i tempi regolari per stabilire chi dovesse
vincerla. Ci siamo battuti contro una squadra forte, con una serie
positiva di sette vittorie, e per di più arricchita dall’apporto, in
corso di campionato, di giocatori di livello superiore come Bagnoli e
Chiera. Noi siamo stati bravi a mantenere il punteggio sempre in bilico e
anche a dire la nostra, incrementando il nostro vantaggio nei due
ultimi quarti. Purtroppo la pallacanestro è così, si decide in fondo e
non c’è mai un vincitore fino allo scadere dell’ultimo secondo. Alla
fine i nostri avversari sono stati bravi a non permetterci di giocare
come sappiamo, e hanno vinto; onore ai vincitori”.

Nell’altro
anticipo del sabato, la Luiss Roma (ora a 28 punti in classifica) ha
vinto la sfida con Catania (ferma a quota 8) per 92 a 81, e mercoledì
prossimo, 20 febbraio, recupererà la partita che non si disputò lo
scorso 13 gennaio proprio con Napoli (che dopo il match odierno ha 26
punti) a Casalnuovo.

Questo pomeriggio, alle 18.00, si
disputeranno tutte le altre partite della ventiduesima giornata, ad
esclusione del match tra Reggio Calabria (27) e IUL Roma (16), in
programma il 1° marzo alle 20.00. Prima di conoscere posizione e
compagnia di cordata in classifica (al momento è al secondo posto con 32
punti), l’Olimpia dovrà dunque attendere i risultati dei confronti tra
Palestrina (32) e Scauri (22), e tra Salerno (30) e Capo d’Orlando (18).
Sugli altri parquet, la capolista Caserta (38) se la vedrà con
Valmontone (12), e poi ancora si giocheranno le partite tra Palermo (12)
e HSC Roma (26), Battipaglia (0) e Pozzuoli (8).

Domenica
prossima, 24 febbraio, alle 18.00, la squadra della Capitale Europea
della Cultura 2019 affronterà Battipaglia al Palasassi.

TABELLINO

Ge.Vi. Napoli Basket – Olimpia Matera 76-74 (24-15, 16-25, 17-20, 13-10, 6-4)

Ge.Vi. Napoli Basket:
Simone Bagnoli 31 (15/20, 0/1), Adrian Chiera 12 (5/9, 0/3), Vincenzo
Di viccaro 11 (3/7, ¼), Nemanja Dincic 8 (4/6, 0/3), Francesco Guarino 6
(3/8, 0/3), Dario Molinari 4 (0/1, 1/1), Tommaso Milani 2 (1/3, 0/0),
Hugo Erkmaa 2 (½, 0/0), Riccardo Malagoli 0 (0/1, 0/0), Jakov Milosevic 0
(0/0, 0/0), Alessandro Puoti 0 (0/0, 0/0), Pietro Giovanardi 0 (0/0,
0/0)

Tiri liberi: 6 / 13 – Rimbalzi: 31 10 + 21 (Simone Bagnoli 12) – Assist: 20 (Francesco Guarino 9)

Olimpia Matera:
Daniele Merletto 24 (8/10, 1/8), Maurizio Del testa 14 (4/8, 2/4),
Andrea Iannilli 14 (4/11, 0/0), Giacomo Sereni 7 (2/3, 1/3), Matteo De
leone 6 (¾, 0/0), Pasquale Battaglia 5 (1/3, 1/6), Daniel Datuowei 3
(0/0, ½), Renato Buono 1 (0/1, 0/2), Mario Mancini 0 (0/0, 0/0), Enzo
Cena 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 12 / 13 – Rimbalzi: 38 10 + 28 (Andrea Iannilli 13) – Assist: 12 (Daniele Merletto 6)