Comunicato #755: Olimpia Matera, domenica grande sfida a Palestrina

La
seconda in classifica ospita la quarta forza del campionato, entrambe
in cerca di punti per una migliore sistemazione nella zona Playoff.
Coach Origlio: “Giocheremo a viso aperto e senza pressioni”.
 

Riprende il campionato di serie B “Old Wild West” – Girone D per
l’Olimpia Matera: dopo la pausa di domenica scorsa, dovuta al posticipo
del match con Luiss Roma (che sarà recuperato nella Capitale il prossimo
17 aprile), i giocatori biancoazzurri partono per il PalaIaia, dove
domenica prossima, 7 aprile 2019 alle 18:00, disputeranno la gara 28 su
30 – tredicesima di ritorno – della regular season contro Palestrina. Il
confronto sarà arbitrato da Cristiano Giusto di Albignasego (PD) e
Francesco Venturini di Lucca. All’andata del 23 dicembre vinse l’Olimpia
per 76 a 66.

Il coach materano, Agostino Origlio,
presenta così i prossimi rivali: “Alla vigilia dell’andata dichiarai che
Palestrina era la squadra più forte del girone per esperienza e
talento, a maggior ragione oggi confermo la mia valutazione. I nostri
avversari vantano nove vittorie di fila e, dopo aver perso al Palasassi,
in quattordici giornate sono stati superati una volta sola dalla
capolista Caserta, per un punto e dopo un tempo supplementare, pur
avendo la vittoria nelle mani di un giocatore, Carrizo, che di ultimi
tiri ne sbaglia davvero pochi”.

I laziali hanno raggiunto la
seconda posizione in classifica con 44 punti, quattro in meno della
capolista Caserta, e sono seguiti a due punti di distanza da Salerno.
L’Olimpia occupa il quarto posto, con 38 punti e una partita in meno. Il
quartetto di testa della zona Playoff è seguito a cinque lunghezze da
Reggio Calabria (33), e a sei punti da Luiss Roma (una partita in meno),
HSC Roma e Napoli.

Riprende l’allenatore: “Palestrina produce
una media di 83 punti a partita, ha una rotazione a dieci giocatori e in
casa riesce ad esprimere la sua migliore pallacanestro, riuscendo a
correre in campo aperto e a procurarsi molti vantaggi, specie nei tiri
dall’arco. I nostri antagonisti giocano a ritmo alto su molti possessi,
muovendo molto bene la palla e innescando così le numerose “bocche da
fuoco” di cui dispongono nel potenziale offensivo. Conoscendo molti dei
giocatori avversari, sono certo che questo match rappresenterà per loro
una vera e propria occasione di rivincita, perché siamo stati gli ultimi
a batterli sul campo con uno scarto di dieci punti. All’andata giocammo
la nostra migliore partita, esprimendoci a livelli superiori rispetto a
tutti gli altri incontri; avemmo anche fortuna, perché i laziali al
tiro ebbero una giornata storta: lo testimoniano due tiri liberi
sbagliati da Carrizo in un momento caldo dell’ultima frazione”.

“Sappiamo
che vincere domenica sarà difficile e complicato, ma abbiamo la
consapevolezza di giocare a viso aperto e senza nessun tipo di
pressione, visto che abbiamo una possibilità in più (avendo giocato una
partita in meno) rispetto ai nostri competitor. Siamo la quarta forza
del campionato, contenti di una stagione che è già andata oltre le più
rosee aspettative, e ora ci manca una vittoria per essere certi del
quarto posto: quella con Palestrina sarebbe una vittoria di prestigio” –
conclude Origlio.

Sugli altri campi del girone D, due anticipi
saranno giocati sabato pomeriggio (il derby tra le romane IUL e Luiss, e
la sfida in zona playout tra Pozzuoli e Valmontone), mentre domenica
alle 18.00  avranno luogo tutte le altre partite della giornata: in
primis, la sfida tra Reggio Calabria e Napoli; poi, i confronti tra
Scauri e HSC Roma, Battipaglia e Salerno, Palermo e Capo d’Orlando,
Caserta e Catania.

A parte il recupero del 17 aprile tra Luiss
Roma e Matera, mancano dunque tre giornate alla fine del campionato:
tutti gli otto contendenti della zona alta si sono assicurati
matematicamente il prosieguo nella seconda fase, mentre c’è ancora
spazio per smuovere l’ordine finale della classifica, in base al quale
si combineranno i confronti, in senso inverso, con le prime otto squadre
del girone C, nei quarti di finale dei Playoff. La classifica finale è
altresì importante perché, come recitano le disposizioni organizzative
annuali FIP, “i quarti di finale si disputeranno al meglio delle tre
gare, con il seguente calendario: gara 1 ed eventuale gara 3 si
disputeranno in casa della squadra che ha ottenuto la migliore
classifica al termine della fase di qualificazione. Le semifinali e la
finale si disputeranno al meglio delle cinque gare, con il seguente
calendario: gara 1, gara 2 ed eventuale gara 5 si disputeranno in casa
della squadra che ha ottenuto la migliore classifica al termine della
fase di qualificazione.”