Comunicato Stampa #629: Basket Serie B, Olimpia Matera travolge Recanati all’overtime

96 a 86 il risultato finale dopo un supplementare. Ochoa: “non ci
siamo scoraggiati dopo il passo falso di Senigallia, questa vittoria è
di tutti noi”. Coach Putignano: “forza mentale elevata, fondamentale
costruire i nostri successi in casa”. VP Sassone: “inesorabile processo
di crescita, siamo sicuri che faremo ancora meglio” 

Davanti a un pubblico amico numeroso – che ha sostenuto attivamente i
propri beniamini in ogni momento – ha vinto e convinto l’Olimpia Basket
di Matera, nel difficile confronto con Recanati – domenica 10 dicembre
2017 – valido per la tredicesima giornata del girone C di andata del
Campionato Nazionale di Serie B “Old Wild West”. Un avversario ostico e
mai domo, giunto nella città dei Sassi con il chiaro obiettivo di
prolungare la fuga al secondo posto della classifica, non è riuscito ad
avere ragione dei materani nei tempi regolamentari (conclusi con il
risultato di 76 pari); è stato, pertanto, necessario un tempo
supplementare, segnato da una robusta prestazione dell’Olimpia, che –
con il punteggio finale di 96 a 86 – ha avuto ragione degli ospiti in
modo convincente e – soprattutto – promettente per il futuro del
campionato.

E’ soddisfatto il coach di Matera, Giovanni Putignano:
“Dopo l’incidente di percorso di Senigallia (con una sconfitta
all’ultimo istante), non ci siamo abbattuti. Questa squadra è tosta,
avevamo bisogno di capitalizzare questa partita casalinga, nonostante le
nostre difficoltà. Abbiamo subito soltanto la pressione nel terzo
quarto, i nostri avversari hanno infilato alcuni tiri importanti, ma la
nostra forza mentale è sempre elevata e non ci siamo scoraggiati. Se è
vero che i possessi più importanti si giocano negli ultimi minuti, ora
sappiamo che siamo in grado di gestire il match anche nell’overtime.
Dobbiamo rimetterci subito in sesto, e continuare ad accumulare i nostri
punti tra le mura amiche: è fondamentale per il proseguimento del
campionato. Abbiamo lavorato tanto per ottenere una lucidità continua,
il risultato ci aiuta a superare tutte le difficoltà.” Il coach ha
dedicato la vittoria a suo figlio Matteo, che ha compiuto quindici anni e
non ha potuto assistere alla partita.

Tra gli score personali
più rilevanti, figurano i 32 punti di Migliori (che aveva saltato
l’ultimo turno in trasferta),  21 di Ravazzani (che continua a mietere
doppie doppie, con 17 rimbalzi in questa partita),  13 di Battistini e
12 di Ochoa. Da segnalare, inoltre, i 21 assist di Dimarco. Ma
l’impressione più incoraggiante è che tutti i giocatori impegnati nella
partita abbiano risposto egregiamente all’appello, fornendo un valido
contributo per la costruzione della vittoria casalinga; commenta ancora
il coach: “La squadra ha una chimica importante, dobbiamo solo
continuare a lavorare in questa direzione.“

Il capitano dell’Olimpia, Nacho Ochoa,
analizza lucidamente la storia del match: “E’ stata una grande
partita,  contro una delle migliori squadre del girone; eravamo reduci
da una sconfitta e dovevamo onorare un palazzetto pieno di entusiasmo,
avevamo voglia di toglierci questa soddisfazione. Questa squadra mi
piace tanto, dopo un inizio incerto abbiamo dimostrato che ci teniamo,
ci piace lavorare; è un impegno di tutti i giorni che costa fatica, ma
tutti vogliamo lo stesso obiettivo. Il campionato è lungo, la classifica
è corta, e vogliamo rimanere aggrappati per continuare a salire, non si
può mollare perché tutte le domeniche sono difficili. E’ una vittoria
che meritavamo, dopo la partita del turno infrasettimanale eravamo
rimasti male, avremmo potuto avvilirci ma siamo stati bravissimi nel
produrre una giusta reazione, ci siamo caricati e questa vittoria è di
tutti noi.”

Il vicepresidente della società sportiva, Rocco Luigi Sassone,
ha espresso soddisfazione per il risultato conseguito: “Cuore,
determinazione e passione sono stati gli ingredienti di questa vittoria.
Tutti sono stati fantastici, la squadra è quella che vogliamo, che
raggiunge gli obiettivi e ci diverte. Grande pubblico e onore agli
avversari. L’Olimpia c’è, è un processo inesorabile di crescita e siamo
sicuri che faremo ancora meglio.”

Gli altri incontri della
giornata hanno registrato le vittorie casalinghe di Pescara su
Senigallia (82-77), Campli su Ortona (73-47), San Severo su Civitanova
Marche (87-77) e Cerignola su Fabriano (72-64). Fattore campo
ininfluente, invece, per le affermazioni esterne di Teramo su Nardò
(76-78), Giulianova su Porto Sant’Elpidio (60-69) e Bisceglie su Perugia
(77-94).

Al termine di questa giornata, la formazione materana
riprende il terzo posto in classifica con 14 punti,  insieme a
Senigallia, Civitanova Marche, Teramo e Porto Sant’Elpidio. Due scalini
più sopra, si trovano Campli, Pescara e Recanati, mentre al primo posto
viaggia ancora a pieni punti (26) San Severo. Alle spalle dell’Olimpia, a
12 punti, figurano Giulianova e Bisceglie; seguono Cerignola e Nardò a
10, Fabriano a 8, chiudono Perugia e Ortona a 6.

“Domenica ci
aspetta al Palasassi un’altra partita difficilissima contro Campli” –
conclude Ochoa – “è una squadra che sta su in classifica, dobbiamo
lavorare tutta la settimana per perfezionare le cose che facciamo bene e
correggere gli errori e cercare di imporre ancora il nostro gioco.”